Passa ai contenuti principali

Allenare l’equilibrio



post modificato il 23/05/10

Per un atleta, e non solo, è fondamentale allenare l'equilibrio.

E' possibile usare delle pedane instabili, terreni artificiali, dischi gonfi d’aria, trampolini elastici ed altri sistemi, per raggiungere il risultato voluto, però se non si possiedono questi attrezzi si può fare benissimo anche senza, io li ho messi da parte da un pezzo.

Si dirai tu, scontato, ma come si allena l’equilibrio?

La prima cosa che balza in mente è un equilibrista che attraversa una strada camminando su una corda tesa tra due palazzi.

O un circense che si esibisce al trapezio.

Giusto? No sbagliato, ma tu quando guardi un giocatore di basket o un calciatore o un velocista lo hai mai visto camminare sulle funi?

Ti sembra intelligente allenare qualità che non servono?

Che accade nella realtà?

Per la verità noi viviamo in uno stato di equilibrio precario,
siamo bipedi e il nostro corpo per mantenere questo stato oscilla di circa 4° costantemente in ogni direzione, i recettori sparsi per il corpo e gli organi attivano i muscoli che si contraggono e rilassano continuamente per mantenere l’oscillazione all’interno dei 4°.

Noi pensiamo di essere stabili, ma ci riequilibriamo continuamente.

Un atleta ha già il suo equilibrio, a meno che non ci sia un sotto-sistema compromesso, udito, vista ecc.
Ma se si muove già con un discreto equilibrio,  fino a che qualcosa non lo destabilizza, allora che accade?

Accade che per mantenere un'azione efficace deve attuare delle reazioni in sequenza, adatte a recuperare o mantenere la posizione utile.

Tornando all’allenamento, dobbiamo allenare questa capacità, se poi sa camminare sui fili importa poco, a noi interessa che si muova velocemente, per tanto tempo, controlli corpo ed attrezzo, e lo faccia in zone molto trafficate.

Alleniamo il recupero dell’equilibrio e non il suo mantenimento.

Alleniamo la capacità di muoversi ad alta velocità mantenendo il controllo.

Dal prossimo post sull’argomento che troverai qui, parlerò degli obiettivi da ricercare con le esercitazioni per l'equilibrio.

foto di dirkjanranzijn
Reblog this post [with Zemanta]

Commenti

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…