Passa ai contenuti principali

Chi sono

 Origini e mission

Sono di Reggio Calabria, probabilmente la testardaggine di chi non vuole perdere proviene dalle mie origini calabresi: io devo portare a casa  il risultato! E non è sempre facile o scontato, tutt'altro. Che si tratti di portare un atleta a  vincere o aiutare un cliente a tornare a muoversi liberamente, nonostante abbia la colonna malandata, uso tutti i mezzi a disposizione per raggiungere l'obiettivo. In tanti anni di lavoro nello sport, le  vittorie e le sconfitte  hanno contribuito a formarmi senza lasciare niente al caso.

Preparatore fisico - Posturologo - Body Worker

Sono un  professionista in questi ambiti: significa che questo è il mio lavoro a tempo pieno da sempre, sono concentrato solo su questo da quando ho smesso di fare l'atleta.

A differenza di un medico o un terapista, che devono curare le malattie,  la mia missione è diversa, io devo migliorare il mio cliente, renderlo una versione migliore di se stesso e permettergli di fare con il suo corpo quello che vuole,  anche se ha un'ernia che lo limita o altre magagne. Non curo malattie, riallineo il corpo e ne aumento l'efficienza.

Opero presso il mio studio, presso alcuni ambulatori e online in videoconferenza. Sempre più spesso in ques'ultima modalità, che azzera le distanze e permette in  alcune aree della mia professione l'ottenimento di risultati eccellenti.

 Se si è in tempo si fa prevenzione,

 se non c'è più tempo si riprogramma il corpo.

Da sempre lavoro nel mondo dello sport, sono il punto di riferimento di molti atleti d’élite, alcuni sono di rilevanza mondiale.  Lavorare con questi campioni sottoposti a pressioni e stress enormi mi ha fatto sviluppare  competenze sul movimento, sulla postura e sulle pratiche di meditazione che mi permettono di farli eccellere. Opero anche con soggetti non sportivi e con atleti ricreativi, applicando le stesse tecniche di rigenerazione che uso per i campioni, e se funzionano con i grandi atleti diventano spettacolari con chi atleta non è, sottoposto agli stress dei professionisti.


Un corpo che funziona non ha dolore. 

Normalmente  l'approccio allo sport, e non solo in quest'ambito,  è stato sempre quello di rafforzare o rilassare i muscoli utilizzando metodi convenzionali come potenziamento, condizionamento organico, terapie e allungamenti. Anche io, in passato,  ho percorso questa strada, con alterne fortune. Tuttavia, il problema spesso  non risiede nella debolezza muscolare o nella troppa tonicità, ma nell'incapacità del sistema nervoso di attivarsi in modo efficiente per produrre la contrazione adeguata di un muscolo. Un muscolo debole o troppo forte può essere regolato con allenamento e terapie, ma, se questo suo stato è dovuto ad altro, è necessario un diverso approccio terapeutico. Questo l'ho riscontrato sia nella mancata prestazione che negli acciacchi...  una normale rieducazione a volte non basta, bisogna aiutare il sistema nervoso a fare  il suo lavoro meglio possibile, ripristinando le connessioni perse.

 
Per non rendere troppo lunga la lettura, indico cosa ci sarà da leggere dopo questo punto, in modo da decidere se continuare con la lettura o  passare alle conclusioni finali in fondo alla pagina.

1) due esempi di situazioni che incontro quotidianamente

2) uno stralcio del mio curriculum.


la spiegazione di alcuni punti precedenti:

In comune con medici e terapisti ho solo la stessa anatomia e la stessa fisiologia, poi quello che faccio è completamente differente perché mi concentro sull'allineamento del corpo e sull'energetica. Non devo far guarire, devo "semplicemente" rendere migliori i miei clienti. 

Spesso alcuni medici  mi contattano dopo aver terminato i loro cicli di terapia, per rimettere il loro paziente in uno stato di equilibrio funzionale ottimale. Perché nonostante le sapienti cure prestate, a volte,  manca ancora un passaggio prima di permettere al soggetto di tornare in piena efficenza.

 Esempio 1

Cliente  che ha una forte tensione mandibolare associata a una perdita di prestazione vitale e/o sportiva  evidente.  Già visto da  più odontoiatri.  E'  stato trattato tramite ortesi mobili e ha fatto fisioterapia per eliminare le contratture. In questi casi, di solito, mi viene inviato  dall'ultimo odontoiatra o dall'ultimo terapista che lo ha seguito. Cerco un punto di equilibrio globale per attivare le sue risorse interne e fargli eliminare l'origine delle contratture, spesso dovute a traumi più o meno recenti. Una volta riportato in equilibrio, insegno al cliente tecniche di auto-reset, lavoro sull'aspetto energetico riportandolo rapidamente in completa efficienza.


Esempio 2:  

Soggetto tipico che soffre di continue lombalgie -  questo esempio raccoglie  altri clienti che soffrono ad esempio di  algie cervicali, pubalgie e altre problematiche resistenti a tutti gli arsenali terapeutici- anche in questo caso, come nel precedente  il soggetto sembra un classico no-responder. La trafila è la stessa del precedente:  mi viene inviato per trovare l'anello debole, perché, pure se clinicamente guarito, ancora "non funziona bene".  La valutazione posturo-funzionale può chiarire quale sia la causa che rallenta i processi di recupero completo, già ampiamente attivati dai medici e dai terapisti. Un pò come avere il serbatoio pieno, il motore in ordine e il tubo del carburante tappato. Risolto il problema, che non è mai dove si manifesta, il cliente  ricomincia a vivere a pieno ritmo la sua vita.


Alcune delle cose che ho fatto in passato

Ho un passato da atleta, ho ottenuto ottimi risultati già nelle categorie giovanili; sono stato Campione Italiano di marcia nella categoria Allievi e ho gareggiato con la nazionale nella categoria Juniores, ho partecipato a vari raduni e ritiri collegiali con la nazionale.

Il mio curriculum lo si può trovare su linkedin.
Qui di seguito lo elenco  in breve, ma prima vi dico quali sono state le mie aree di ricerca in materia "recovery" di  questi anni:
 
Osteopatia (principi, filosofia, fisiologia, tecniche craniche-strain and counterstrain-tecniche fasciali-tecniche energia muscolare)
Cranio Sacrale
Auricoloterapia (approccio francese-cinese-coreano-  -auricolomedicina)
Microagopuntura (su yok - Coryo - Cinese) fondamenti e teoria energetica
PNF e tecniche di allungamento
N.O.T.  (solo parte teorica,  in corso di approfondimento)
Rolfing (principi e tecniche base)
Alexander (principi e tecniche base)
Feldenkrais (principi e tecniche base)
Tecnica Network (ricerca in corso) 
Tecniche Fasciali
PNL
Posturologia Scuola francese
Posturologia vari metodi integrati
Apnea
Yoga
Meditazione Mindfullness
Tecniche di respirazione
 
 
In ambito professionale, sono stato:

*  
preparatore  fisico e responsabile dell'area rieducativa della Cestistica Piero Viola Reggio Calabria per le categorie  giovanili, vincendo un Campionato Italiano Cadetti nel 1995;
* nel volley femminile, ha partecipato al campionato di serie A con la Medinex Reggio Calabria assieme al Prof. Roberto Colli, quinto posto;
* responsabile dell’area fisica e riabilitativa della Cestistica  Barcellona,  con cui ho centrato una serie di promozioni alternate a piazzamenti passando in cinque stagioni dalla serie C1 alla serie A1;
* responsabile dell’area fisica e riabilitativa in serie A di Basket con la NBV Reggio Calabria;
* responsabile dell’area fisica e riabilitativa in serie A Pallacanestro Messina;
*  coordinatore ed esperto di valutazione posturale dell'area riabilitativa del settore giovanile della Reggina Calcio ( 2005/2008);
*  successivamente, responsabile dell’area  fisica e rieducativa del settore giovanile della Reggina Calcio (2008/2011);
*  responsabile della preparazione fisica della Viola Reggio Calabria in serie A2 da dicembre 2015 a luglio 2017
* in passato ho preparato: Manuel Ginobili, Carlos Delfino, Sandro Santoro, Aleandro Montecchia, Leandro Palladino, Mat Bonner, Matteo Soragna, Rodolfo Rombaldoni, Agostino Livecchi, Brent Scott, Brian Oliver...
* Ho allenato Francesco Scagliola, campione mondiale e europeo di categoria, nel windsurf; 
 * Attualmente  opero come libero professionista presso il mio studio di posturologia e sviluppo della prestazione, sono consulente di alcuni ambulatori medici, e opero come consulente di società ed atleti operanti in diverse federazioni sportive;
*  al momento alleno diversi arbitri di calcio tra A/B, C e D
* Alleno in season e in off season  molti altri atleti di spicco. 
Per fare alcuni nomi, Patrick Baldassarre, Marco Lagana' e Matteo Lagana'. Poi runner, triatleti, calciatori ... Alterno il lavoro off season con i miei atleti  con una  consulenza a distanza in stagione regolare. 
 

Alla fine di questa presentazione...
Contattami se hai bisogno di costruire un rapporto professionale, essere seguito e aiutato a migliorare il tuo rendimento energetico e la tua postura, leggi qui, in caso contrario  nel blog, sulla pagina Facebook e sul mio canale YouTube troverai molte risposte alle tue domande e molti esercizi da prendere in visione e poterne parlare con il tuo medico e il tuo terapista.

Grazie della visita

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci.  I commenti sono: ho i polpacci di pietra , si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm ..  Ecc.   Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza. E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info. Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile.  Le cose da fare N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore , basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento. N°2, La sec

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti , revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014 L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

 Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura. Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria , il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi.  Questa è una, i massaggi. Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura. Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e a