Passa ai contenuti principali

Allenare, insegnare, seconda parte.

Come insegnare? Nella prima parte dell’articolo “allenare, come insegnare la coordinazione” Cominciamo a valutare a chi insegniamo. Età, sesso, cultura sono le prime domande da porsi. Poi si fa una ricerca sulle capacità coordinative, sensoriali, condizionali della fascia di pertinenza.
Allenare sistemi propri del periodo di vita del soggetto, ma toccare anche quelli del periodo antecedente e seguente, no tutti maturano allo stesso modo.

Si analizza la dialettica dei soggetti, breve colloquio e piccolo questionario (da fare anche con le fasce dei più piccoli, con dovuti accorgimenti e modalità adeguate) da qui si iniziano ad individuare i sensi maggiormente utilizzati, un bambino che usa spesso la parola vista o il verbo vedere piuttosto che sentire avrà un orientamento in tal senso, cosa da prendere in considerazione quando gli si spiega qualcosa, utilizzare terminologie comuni aiuta nel processo di insegnamento.
Il modo di emettere suoni durante il parlato da ulteriori informazioni sulla postura del soggetto e su come si evolverà, un suono limpido sarà generato da una struttura del palato e del cranio perfettamente bilanciata, una dizione biascicante creerà attenzione e in quanto provocata da un palato che necessita un controllo durante il processo di crescita.

Il primo soggetto sarà con molta probabilità equilibrato e bilanciato (il sistema fasciale di tutto il corpo è organizzato bene) mentre il secondo farà più fatica, perché un palato ogivale o un cross bite occlusale, creerà a livello fasciale maggiori tensioni e di conseguenza maggiore dispendio di energia.

Quando si lavora con i piccoli chiedere informazioni ai genitori sui primi due anni di vita del soggetto è una risorsa da sfruttare, ma anche con i più grandi non è una cattiva idea, il soggetto quando si è alzato i piedi? Ha gattonato, quando ha parlato, d piccolo correva tanto? Ecc. Se ci si alza in piedi troppo presto, non si è ancora strutturalmente pronti quindi si anticipano e saltano passaggi fondamentali. Se non ha gattonato, alcuni schemi motori non si sono fissati e stabilizzati, magari avrà un buon orecchio o prediligerà le lettere, però se vogliamo allenarlo dobbiamo provvedere.
Se correva tanto anziché camminare forse aveva problemi di equilibrio ecc.

Il livello culturale (conoscenza) del soggetto è importante per poter fissare meglio le informazioni che vogliamo dare, ne alta ne bassa ma adeguata deve essere l’informazione, sintonizzarsi come una radio. Per chi lavora con i gruppi è più difficile, all’interno di un gruppo si creano almeno tre fasce diverse di allievi, per capacità e livello di apprendimento, bisogna fare progredire tutti senza rallentare nessuno.

Come si muove il soggetto? Come si allaccia le scarpe, come scrive, ha gesti ripetitivi nel suo bagaglio motorio? Queste sono ulteriori indagini da compiere. Quando spiegate, vi osservano, si spostano, indietreggiano, avanzano, si distraggono, che fanno? Altro elemento di indagine. Se siete lontani perdete la loro attenzione? Se siete vicini cercano il contatto fisico, lo evitano? Ancora un elemento di di indagine.

Mettendo assieme tutte queste informazioni, potete ricominciare a pensare ai metodi di insegnamento e a personalizzare il vostro intervento. Ricordando che se uno non migliora è colpa del’istruttore/allenatore e non del soggetto, tutti hanno una chiave di accesso al miglioramento, bisogna trovarla.

Commenti

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…