Passa ai contenuti principali

Dimagrire



Ok, bene, ho attirato la tua attenzione con la parolina magica dimagrire, ne ero certo; ma aspetta,  ora rispondimi sinceramente: 
ma tu…la domanda….voglio dimagrire veramente?” Te la sei mai fatta? 
Mi sa di no, vero?  Perché è una domanda scontata, che di solito non ci si fa, si da per scontato che lo si voglia e non ci si pensa proprio a formularla a se stessi.

Quindi, adesso, fatti un favore, fattela e medita attentamente la risposta, non ti raccontare frottole, almeno provaci. 

Fatta? La risposta è SIII..? Quindi vuoi dimagrire. Bene.

Ancora una cosa per convincermi del tutto, sai sono scettico, fai così: chiudi gli occhi e immaginati tra un anno, visualizzati li nello stesso posto dove sei ora, e dimmi come sei…. 


HOOPS! Lo sospettavo. Non vedi quel sederino di marmo che tanto ti piacerebbe avere.

Ok, non entrare in crisi non serve, e  prima di chiedermi una consulenza per rimetterti in forma, parliamo un poco di alcune piccole cose che scopro lavorando con i miei clienti, che vorrebbero le stesse cose che vuoi tu, e magari, dopo, ti avvii finalmente sulla strada del benessere. Magari.

Domanda a bruciapelo: Perché ingrassi? Mangi tanto?

Risposta tipica: no, ma quando mai, io mangio veramente poco.

Ecco, così ho fatto una scoperta che mi porterà al Nobel: 

L’ARIA INGRASSA.

Scroscio di applausi prego. Un premio Nobel li merita.

Poi di solito chiedo, ti piace mangiare? Risposta di alcuni, “No! mangio solo  per nervoso”.
Qui li capisco, eccome se li capisco, perché sentendoli dire questa cosa comincia a venire fame anche a me, dato che mi fanno innervosire con queste risposte. 

Essere nervosi o infastiditi non è una ragione tale per  farsi del male incorporando calorie inutili, ci siamo passati tutti più o meno nella vita, bisogna abituarsi ad applicare delle strategie efficaci per evitarlo. E per inciso, per controllare  la “fame nervosa” la museruola o il lucchetto al frigo non servono assolutamente a niente, bisogna risolvere il problema a monte. 

Qualcuno queste strategie dovrà pure insegnartele prima o poi, non credi? Sempre se lo vuoi veramente e non è, come per molti, solo due chiacchiere davanti ad un apericena …..prima di cena.

Altri mi dicono  “sai…. il problema è che che sono una buona forchetta”.
Ma guarda….che bello, dico io, fantastico, poi chiedo: 

una buona forchetta o una pattumiera? 

Sgomento! Silenzio per un attimo, poi: “Ma come ti permetti?”

Risposta. Aspetta non ti offendere, la differenza tra le due cose è data dalla qualità di quello che mangi, se mangi abbondantemente, cibi genuini, magari troppo ricchi ed elaborati sei una buona forchetta, nel caso non ti vantare però, se invece mangi il classico cibo spazzatura  sei la seconda.

Non mi crederai, ma la quasi totalità delle persone che vorrebbero dimagrire non sono buone forchette, sono aspiranti mezzi della NU su due gambe ( NU sta per nettezza urbana, non ti illudere,  non sta per Nazioni Unite) 

Ora tu potresti chiedermi, ma la buona forchetta, quella vera è scusata? 
No.La buona forchetta, quella vera, non è scusata ma può essere indirizzata a diventare un Gourmet ed allora sarà più semplice farle scoprire che il cibo è qualità e non quantità. Sarebbe un primo passo.

Mentre agli altri, bisognerà cambiare radicalmente le abitudini ed eliminare tutto lo Junk food dal loro cervello, e si anche qui servono le tecniche giuste per fare pulizia.

Tornando alla domanda iniziale, spesso indispettiti mi rispondono: “che credi, io ho fatto diecimila diete, pensi che se non volevo dimagrire le facevo?” 
Domanda accessoria: hanno funzionato?
Silenzio iniziale seguito da due ore di scuse …….e io ascolto, e ascolto, tanto ho la tariffa oraria.

Le diete, quelle vere, fatte da un nutrizionista, intanto devi seguirle e funzionano solo se TU le fai funzionare; poi  purtroppo sono come il latte scadono… si perché una dieta ha un periodo di attività specifico ( mentre la fai, se la fai) e allo scadere di questo, se ti sei solo imposto sacrifici per farla e non hai operato un cambiamento reale, è normale mandare tutto al quel paese e tornare alla normalità alimentare e di movimento, compresi i kg a cui si è tanto tanto affezionati.

Poi chiedo, ieri a cena cosa hai mangiato? e cosa ha mangiato il/la tuo compagno/a o il/la compagno/a marito/moglie ecc?
Qui scopro  che si mangia più di quello che serve senza accorgersene.
Un esempio: una è alta 1, 62 cm e pesa 60 kg non può mangiare quanto uno che è alto 1,80 cm e ne pesa 72, capito, non è questione di metabolismo lento, è fame!

Domanda fai sport?
Eliminando alcuni pseudo sport e attività improbabili, come il massaggio dimagrante, che funziona solo se tu fai il massaggio a qualcun altro e non se lo fanno a te ( però è piacevole), parecchi corrono per dimagrire.

Correre per dimagrire è un’ altra terribile scemenza che può portare a danni articolari gravi quando praticata da soggetti con parecchi chili in sovrappeso; il mio consiglio è prima limita le calorie ingerite, perdi qualche kg di troppo e poi corri felice. 
In questo campo gli uomini sono i peggiori, perché pensano di fare sport per dimagrire, sono tutti supereroi della Marvel secondo loro, e poi mi tocca doverli riparare dalle tonnellate di cretinate che fanno con il loro corpo per potere mangiare di più. 
A proposito: sono in aumento le ernie e le ginocchia consunte da “maratoneta ciccione” dell’ultima ora. Quindi occhio, non è come l’influenza, non sono acciacchi che si passano con uno starnuto, sono danni fisici che si possono evitare, perché ce li si provoca facendo stupidaggini. 
Poi, ma scusa un attimo, hai mai visto vincere una maratona olimpica ad uno di 120 kg? E allora? 
Prima di pentirti forse è meglio che mi contatti e ne parliamo.

Parliamo dei bimbi? non del Bimbi, non stare a pensare sempre li al cibo!
 Parliamone dai. Parliamo di quei bei bimbi rotondi rotondi, paffuti paffuti, che secondo le mamme “forse dovrebbero” un po’ dimagrire e mi chiedono come fare … io scuoto la testa e dato che l’aria ingrassa non c’è possibilità di metterli in forma. 
No e poi No, c’è un Nobel in ballo. 
Perché anche in questo caso scopro che i bambini non mangiano niente.
 Così abbiamo anche sconfitto la fame nel mondo. 
Altro Nobel grazie.

Come molti adulti hanno pure le ossa pesanti. 
“Non è grosso ha l’ossatura grossa” dicono le mamme! E quella pancetta calante? e quelle guanciotte alla Harnold?
Una cosa è certa non voleranno mai con ossa così. Ma sai come rotoleranno? Una meraviglia. 
Certo se le mamme la smettessero di lanciargli le merendine con la fionda forse ….

Il metabolismo lento.
La storia del metabolismo lento che tirano fuori alcuni è in parte vera, siamo programmati per resistere alle carestie e quindi tutto il cibo in più lo mettiamo sui fianchi e dove ti fa proprio innervosire, dove proprio non lo vorresti. E alcuni soggetti hanno una programmazione genetica in questa direzione e consumano veramente poco.
Ma ascolta Gaetano, non è che se ti mangi a pranzo le intere riserve di cibo di un paese Africano lo aiuti molto questo metabolismo lento e primitivo che ti ritrovi.

Dunque non prenderti in giro, se vuoi un corpo in forma e sano, senza eccedere in forme di allenamento maniacali, devi cambiare, non è difficile, ma devi uscire da questa maledetta zona di confort che ti piace tanto e che ti potrebbe uccidere prima o poi.

Ora ti do gratis alcune dritte, non le sprecare. Anche se leggendo quello che ho scritto prima potresti aver capito come migliorare la tua forma fisica.

Inizia a non comprare schifezze per te e sopratutto per tuoi figli, si lo so sono abituati alle cose dolci, zuccherose e caramellose e alle merendine, non possono fare a meno dei grassi idrogenati; ma sai perché sono buone? perché ci sono fior di scienziati che cercano chimicamente di fartene mangiare di più.
 Leggi le etichette, studia un po’ e scegli bene, anzi non perdere tempo non comprare proprio niente, e se i figli frignano non scrollare le spalle e non gli lanciare lo “snack” per farli stare zitti, ma fatevi un favore tutta la famiglia, fatteli in casa gli snack, e con la fionda al posto della merendina lanciagli un frutto. Attenta a non colpirlo però.

Mangia spesso, anche cinque volte al giorno, così non si scatena la fame da “glicemia bassa”, non mangiare merendine, ma mangia poco e spesso. Cerca di mangiare quelle cose che ti avrebbe fatto mangiare tua nonna, ah le nonne quanta saggezza, riprendi le abitudini  di una volta e non dire che non hai tempo, magari dimagrisci pure se investi qualche caloria a preparare queste cose, anziché guardarti in tele il tuo programma  trash pomeridiano preferito.

Aumenta l’attività fisica, ma se ti capita di andare in palestra e il tuo trainer ti vuole distruggere a colpi di ore di tapis roulant, ( ricorda non sei un criceto) mandalo a quel paese e cambia distruttore, hoops, volevo dire istruttore, e fai più cose possibile nei 60 minuti che ti sei ritagliata/o in palestra, pesi, ginnastica ecc. Così non ti consumi la schiena e le ginocchia e attivi quel metabolismo un poco troppo lento. 

Se il frigo è vuoto, non credo che una volta che ti aggredisce la “fame nervosa” mangerai il ghiaccio, però se non ti va di vedere la desolazione del pack artico nel tuo frigo, prima che inizi  a cercarci dentro foche da catturare e mangiare vive, riempilo di ortaggi e verdure, lo so, lo so, una carota non ha lo stesso sapore di uno snack al caramello, e nemmeno un ravanello ci arriva vicino, però abituati e magari impari anche a prepararli in modo gustoso! 

Per finire, bevi, bevi bevi, acqua mi raccomando, e fai bere acqua, la cola e derivati zuccherosi lasciali stare, invece frulla o centrifuga e bevi del te verde. 

Un’ultima cosa, non faccio diete, non me le chiedere.

Attenzione questo post è dedicato a chi vuole un corpo sano ed in forma, non è assolutamente rivolto ne a chi soffre di disturbi alimentari, e nemmeno di  disturbi metabolici, campi riservati ai professionisti della salute. Il post è per chi è in salute e vuole evitare di perderla. Se ami le tue rotondità ti rispetto e accetto il tuo pensiero. Lo scopo è indirizzare verso un’alimentazione ed un uso del corpo sani e moderati.

foto di Earl McGehee on Flickr "workout"

Commenti

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…