Passa ai contenuti principali

Elettrostimolazione, meglio i muscoli piccoli.

Chi mi conosce, sa che non amo gli elettrostimolatori, comodi ma stupidi, però è possibile utilizzarli in modo proficuo lavorando su muscoli piccoli, difficilmente controllabili.
Fortunatameente è passato molto tempo da quando si usavano le tecniche della figura qui sotto ...o no?

Il maggiore handicap degli elettrostimolatori e che l'impulso è esterno al sistema e non utilizza i sistemi di controllo motorio propri del sistema.

Contraggo contraggo, ma alla fine se rimane qualcosa in memoria ha dei pattern sballati, la morale è usali poco, usali accoppiandoli a lavoro a controllo volontario.

Per la fisioterapia il discorso può essere diverso, ma semre da ragionarci sopra attentamente. Non sempre i vantaggi sono maggori degli svantaggi.

I muscoli piccoli però ci danno altre opportunità di lavoro. I muscoli piccoli possono essere allenati con efficacia tramite l'elettrostimolazione. Ad esempio i muscoli limitanti la prestazione vedi il post ... qui.
Questi muscoli possono essere effettivamente migliorati dall'elettrostimolazione, più che agire su un muscolo grande bisogna lavorare su muscoli piccoli che abbiano un rapporto diretto con il muscolo bersaglio. Un polpaccio asimmetrico non lo alleno cercando di pompare la parte più "debole" cerco e trovo un muscolo che lavora per qualche ragione in sinergia con il gemello meno sviluppato.

Difficile vero?
Meno di quanto sembra, ragiona con questo esempio, se il gemello meno sviluppato è quello interno è difficile che il soggetto varizzi, giusto? quindi va in valgo, e nella catena funzionale il gemello esterno è molto tonico. Ora vatti a guardare su un buon testo quali muscoli sono interessati nel varismo e seleziona quello (o quelli) più interessante e lavoraci, potresti vedere grandi cose.

La stessa chiave di lettura è proponibile per i glutei, per l'addome e così via. Cercare il muscolo piccolo che però è integrato in uno schema è un metodo di lavoro efficace.

Altro metodo è lavorare in isometria (strenua) e decifrare quale dei piccoli va in crisi per primo, li spesso è difficile agire in modo tradizionale, l'elettrostimolatore può dire la sua.

enjoy

foto di crafty dogma

Commenti

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…