Passa ai contenuti principali

Pronazione o supinazione?




In un precedente articolo sulle scarpe, avevo dichiarato le mie perplessità sul concetto di pronazione o supinazione applicato alle scarpe da Running.
Se vuoi leggerlo è questo fatevi le scarpe

il rapporto tra Runner, piede e postura merita un approfondimento.

NOTA TECNICA:
L’appoggio si valuta in dinamica, non è semplice come valutazione, ci vuole allenamento per fare i test, quindi dopo aver imparato la tecnica bisogna praticarla per tanto tempo, con tutto il rispetto, trovo difficile che l’addetto di un negozio possa applicarla correttamente, salvo rare eccezioni, naturalmente.

Tutti i test, utilizzati per identificare l’appoggio, eseguiti in modo statico non servono a nulla, anche sa hanno nomi di grandi aziende, produttrici di scarpe.
 Mi riferisco a impronte su fogli colorati o millimetrati, tipo podogramma fatte con piedi bagnati, con talco, carta carbone ecc.

Queste immagini sono utili per evidenziare le reali dimensioni del piede, le proporzioni tra le varie parti  e per ricavare dei punti di riferimento anatomici, ma non sono “diagnostiche” solo nei casi estremi di piedi piatti di 3° grado o cavi di 2° e 3° grado possono dare delle indicazioni, ma serve sempre una valutazione dinamica dell’appoggio, perché specie nel secondo esempio, l’errore di valutazione è dietro l’angolo.

COSA FARE E PERCHE’
Devi usare una scarpa per pronatore o usare una scarpa per supinatore?
Se non sei sicuro al 100% NESSUNA DELLE DUE!

Ecco le ragioni che ho ricavato facendo valutazioni atletico posturali per tanti anni con diverse migliaia di test eseguiti:
  • i piedi non sono mai uguali, hanno in dinamica un diverso grado di supinazione o di pronazione, dopotutto già lo sai, non consumi le scarpe nello stesso modo;
  • i piedi, spesso, per adattamenti posturali, si comportano in modo asimmetrico, uno tende alla supinazione ed uno alla pronazione.
Questo è dovuto a:
  1. Pre-contatti dentari, morso crociato, malocclusione in genere;
  2. Disfunzioni cranio-sacrale;
  3. Adattamenti di tipo oculare ad origine non rifrattiva, (non si tratta di problemi di vista); 
  4. Differenza reale della lunghezza degli arti inferiori;
  5. Differenza compensatoria della lunghezza degli arti inferiori, per le ragioni dette prima e anche per quelle che seguono; 
  6. Cicatrici reattive, situate in qualche parte del corpo, anche molto lontano;
  7. Bacino in torsione;
  8. Scoliosi o atteggiamento scoliotico;
puoi leggere pure  la postura nelle scarpe è un articolo che spiega un solo aspetto tra i tanti che riguardano la postura.

Ora hai capito, perché, al tuo negoziante, quando ti consiglia una scarpa per pronatori o supinatori, per non sbagliare devi chiedere  invece una buona neutra.

Il piede deve essere considerato come un organo di senso,  può subire il resto del corpo e può allo stesso modo influenzarlo.

Devi sapere che i piedi non funzionano in modo isolato, sono responsabili anche di quello che sta sopra il ginocchio, come l’ anca le a colonna vertebrale; quindi una calzatura errata, se ci corri tanto, ti può provocare prima fastidi poi usura e infine danni fisici. 

E non va nemmeno bene pensare fino a quando non avrò fastidi vado avanti così, il corpo richiama l'attenzione con dolori e infiammazioni, quando è al limite, prima compensa. Se vuoi correre a lungo, fai prevenzione!


E tu come la pensi? Che piedi hai? Come ti regoli con le scarpe?




Commenti

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…