sabato 8 gennaio 2022

Il mistero del ginocchio traballante




Storie

Il mistero del ginocchio traballante


Anni fa lavoravo esclusivamente con le società sportive ed ero io ad occuparmi anche delle rieducazioni. Facevo solo quello,   nei pochi momenti liberi  facevo freediving e la notte  studiavo.


Ho rieducato tantissimi atleti che avevano rotto i legamenti crociati, sembrava una moda romperseli…tanto che ho creato un protocollo specifico, che è un portento per i risultati che da, lo trovi sul mio canale YouTube.


Uno di questi giocatori,  simpaticissimo, una  vera testa d’asino, a circa tre mesi dall’intervento aveva recuperato quasi completamente,  eravamo tutti molto soddisfatti, tanto che  stavamo programmando il rientro, quando, una mattina,  mentre faceva un esercizio, dice di avere fastidio. 


Stupito,  gli chiedo cosa avesse, e mi  risponde  che sente il ginocchio molle… lo faccio controllare dal medico e questo mi dice che  il ginocchio non è stabile come nei giorni precedenti, e che non capisce come possa essere accaduto. 


Interrogo nuovamente il ragazzo dice di avere avuto degli incubi e che forse ha dato calci nel sonno…

Poi, poco dopo, cambia versione e  dice che forse era stato il cane a dargli una testata… poi ha provato a farfugliare altro,  al che, io, scocciato l’ho mandato a quel paese e sono andato via.


Alla fine della fiera, recuperò nuovamente e tornò a giocare.


Questa cosa per me è diventata un tarlo nella mente.  Dovevo   capire  dove stava  l’errore.


Facciamo un salto temporale di tanti, tanti,  anni e arriviamo ai giorni nostri. 


Ho incontrato l’ex giocatore poco tempo fa, e mi ha confessato  tutto. Mi ha detto che si era fatto male cadendo da un cancello che stava scavalcando…


Il mio cold case è stato risolto. Finalmente! Il colpevole  è il deficiente.


Non ho indagato sul perché scavalcasse un cancello, spero per lui che stesse  inseguendo, o scappando da qualche perizoma… o conoscendo il tipo, chissà per quale stupido motivo goliardico e molto meno romantico. 


Chissà se ne è valsa la pena.


#gaetanorosace #preparazionefisica #preparazioneatletica 


Immagine dà Pexels 

Nessun commento:

Posta un commento

  La prima novità del 2024 è la confezione di un programma, acquistabile solo   online, adatto a sciogliere i nodi posturali più frequenteme...