Passa ai contenuti principali

La selezione naturale

Selezione naturale: chi sopravviverà alla crisi economica dello sport?

 

Questo cataclisma medico/socio/finanziario che stiamo vivendo non passerà liscio… farà selezione lascerà dietro di se, in modo apparentemente naturale, morti,  feriti e devastazioni in campi ben specifici.

 

Anche se non abbiamo avuto riscontri come quelli che riportava il Boccaccio dopo la peste di Firenze:


nacquero diverse paure e immaginazioni in quegli che rimanevano vivi, e tutti quasi a un fine tiravano assai crudele, ciò era di schifare e di fuggire gl’infermi e le lor cose; e così faccendo, si credeva ciascuno medesimo salute acquistare…

 

Perché a quanto vedo la gente è piuttosto baldanzosa nel riprendere le abitudini sociali.


La crisi economica si farà sentire in campi particolari, come gli sport diversi dal calcio di serie A e forsanche di serie B.

 

Per gli altri sarà crisi nera, e già sentire: di vendita di titoli sportivi, di problemi di iscrizione, di tetto stipendi e taglio contratti, fa capire che ci saranno meno squadre, meno soldi e più competitor per meno posti al sole.

 

Molti di quegli atleti che avevano approfittato delle loro qualità senza andare a fondo nella loro crescita personale, pigri, si ritroveranno a difendere il loro pezzo di pane o fetta di carne con unghie e denti.

 

Ma io mi chiedo, per chi è stato sempre pigro e poco attento al suo livello di preparazione sarà semplice adeguarsi al nuovo livello di guerra totale per il posto al sole?

 

Sono anni oramai che lavoro con atleti che cercano di ottenere contratti migliori, allungare carriere e recuperare la loro condizione fisica ottimale; posso assicurare che questi non sono come gli altri, come i pigri,  questi non si risparmiano, investono tempo e denaro nel loro obiettivo.

 

Quello che so è che la guerra inizia ora; se prima un posto in una categoria elevata di qualsiasi sport costava fatica ora costerà sudore e sangue.


Preparatevi a cambiare mentalità, le vostre qualità non bastano più, ora ci vuole altro.


Tempus fugit, e il tempo non basta mai, specie per chi è abituato a perderlo.


La selezione naturale ha inizio.


Il prof.

 

Immagine by Pexels

Commenti

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…