Passa ai contenuti principali

la causa biomeccanica degli infortuni al bicipite femorale



Gli infortuni ai flessori della gamba sono tra i più frequenti, ci sono varie possibili cause, allenamenti errati, sovraccarico ecc, ma una delle meno conosciute, spesso l'origine di tutti i problemi è la causa biomeccanica, in questo caso ci occuperemo  della lesione al bicipite femorale.





 

Lesione ai flessori della gamba, la biomeccanica degli hamstring

Una delle lesioni muscolari più frequenti è quella ai muscoli della regione postero mediale della coscia, tra cui troviamo i cosiddetti flessori della gamba. Gli hamstring per gli anglosassoni.

Per  poterci ragionare sopra, prima bisogna fare distinzione tra i muscoli che formano il gruppo dei flessori della gamba.
Perché  pure avendo azioni simili devono sottostare a meccaniche diverse.

Il gruppo degli hamstring è formato  dal bicipite  femorale, dal semitendinoso  e dal  semimbranoso,

Per chiarezza ricordo che anche gli altri componenti dell’area postero-mediale della coscia hanno una componente flessoria nel loro movimento.
così  come i sopraccitati hanno componenti rotatorie ed adduttorie nel loro,

 inizio il mio ragionamento  partendo con il bicipite femorale.

il bicipite femorale  si posiziona lateralmente rispetto agli altri muscoli dell’area,

 è un muscolo lungo che corre dal bacino al perone.

S origina dalla tuberosità ischiatica con quello che viene denominato capo lungo, poi si dirige in basso e dal terzo medio del femore si fonde   con  il capo breve.
Termina  il suo percorso sulla testa del perone, sul condilo laterale della tibia e sulla fascia della gamba.

Per  valutare il rischio di infortuni e quello delle  recidive un parametro interessante è valutare la lunghezza relativa del muscolo o meglio  come questa possa essere influenzata dai due punti di inserzione prossimale e distale.

Sia l’ iliaco  che il perone hanno la possibilità di fare piccoli spostamenti.

se questi spostamenti si fissano in posizioni al di fuori della normale fisiologia del movimento tengono in uno stato di tensione costante il muscolo.

Vediamo come.

il bacino può eseguire movimenti in anteriorità o posteriorità, in casi estremi si può bloccare in posizione anteriore o posteriore.

Può subire blocchi anche di una sola ala iliaca, producendo un bacino in torsione in concorso con l’osso sacro.

Anche il perone il perone si muove rispetto ai movimenti della caviglia.
è possibile che dopo traumi alla caviglia si fissi anteriormente o posteriormente o ancora in posizione bassa o alta.

Nelle figura seguenti si può  osservare in  modo schematico il fenomeno sopracitato,
 e i rapporti articolari che generano tensioni aggiuntive al bicipite femorale.

In questo caso si osserva l’influenza del bacino  in anteriorità
 e la conseguente tensione costante applicata al bicipite femorale dalla tuberosi ischiatica che risale.

Per l’autore il fenomeno discendente è di origine traumatica ma ci sono molte altre possibilità  per portare un iliaco in anteriorità.
ad esempio   le distorsioni della caviglia, scoliosi, gamba corta reale, una torsione del bacino, ecc.

Nel caso portato ad esempio il bicipite femorale traziona la testa del perone provocando  a cascata un adattamento fino al cuboide. Tanto da creare un falso allungamento dell’arto inferiore.

ma potrebbe essere anche l’inverso, ovvero, che il perone si fissi in una posizione più bassa dopo una distorsione e mantenga alcune fibre del bicipite in trazione.

Si capisce che se per qualsiasi ragione il perone viene posto in una posizione differente da quella fisiologica  potrebbe creare una piccola tensione aggiuntiva sull’inserzione del bicipite.
Questa variazione di tensione che sarebbe nella maggior parte dei casi quasi ininfluente potrebbe invece essere per qualcuno fastidiosa e l’anticamera di possibili traumi muscolari in  quanto la capacità di assorbire le sollecitazioni  viene meno.

In questo caso il fattore predominante diventa  la postura con il ruolo che assumono le catene muscolari.

Ad esempio, nei  soggetti che hanno piedi e ginocchio in varo, il bicipite femorale ha un ruolo prevalente nel mantenimento della postura,  diventando così ancora più esposto ai traumi.

Seguendo  questo ragionamento  si possono  capire  molti traumi e ancora più le recidive del muscolo bicipite femorale che continuano fino a quando il tutto non viene regolarizzato.

Si capisce inoltre  che non è possibile risolvere queste problematiche solo tramite manovre correttive mirate a ripristinare la fisiologia del bacino o del perone.

utili ma non risolutive se non solo nell’immediatezza di un evento traumatico che riguarda l’articolazione.

 Una volta capita l’esistenza della problematica Bisogna agire in profondità su tutta la catena funzionale che comprende il bicipite femorale.
 Se si vogliono diminuire i traumi ed ancor più le recidive.

Anche perché se non si normalizza il tono muscolare,  il tempo di recupero o meglio il tempo di guarigione della ferita aumenta,  per via delle tensioni eccessive che agiscono anche a riposo
che non permettono un recupero standard.

Quando si parla di trauma muscolare da sovraccarico bisogna sempre pensare a perché il sovraccarico ha trovato in quel punto l’anello di rottura. E questo è sempre a due  livelli posturale e bio meccanico.

Commenti

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…