Passa ai contenuti principali

Adduttori affaticati e contratti



Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014

L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.


Tutti credono di dover allungare costantemente gli o adduttori, prima dell'allenamento, durante e dopo; sempre.

Funziona? Ha senso? E' una "stronzata" immane?

Infatti, non serve a molto, anzi, può fare danni.

Non è sempre una buona idea allungare gli adduttori, ho visto fare questa cosa allo stremo, è facile invece che "l’adduttore non sia il responsabile ma una vittima", ci sono alcune fisiologie di movimento e posturali che hanno l'adduttore ipertonico come altri muscoli della catena interessata, ma ci sono altre fisiologie con l'adduttore ipotonico debole che se allungato diventa ancora più debole. 

E guarda caso nel modello bio-posturale del calciatore tipo come sono gli adduttori?.....

Conviene, infatti, spesso,  spostare l’attenzione sui  glutei, sul tensore della fascia lata e sulla bandelletta ileo tibiale. Di solito sono queste ad essere accorciate o affaticate e a mettere in tensione eccentrica l’adduttore che in questo modo diventa l'anello debole della catena, e come ogni anello debole prima oppi si rompe.

Gli adduttori non sono, come spesso erroneamente si crede, contratti, la maggior parte delle volte sono invece indeboliti ed incapaci di lavorare alla loro lunghezza funzionale. Significa che lavorano (stressandolo ) solo per un unico tratto. 
Costringerli in allungamenti forzati quando non lo necessitano è come sparare sulla Croce Rossa.

In alcuni soggetti, specie in chi è molto esplosivo e capace di grandi accelerazioni, i glutei e il tensore della fascia lata sono estremamente forti, rigidi e accorciati, costringendo così gli adduttori a perdere tono e ad agire costantemente su lunghezze eccessive.

Spiego il concetto: un muscolo oltre che alla propria lunghezza funzionale può stare in accorciamento per eccessivo tono, inspessimento della fascia muscolare, aderenze fasciali, ecc.
Lo stesso muscolo, invece, può rimanere bloccato in posizione di allungamento, ovvero mantenere, forzatamente, una posizione più distesa. Se l'agonista è accorciato, o meglio troppo attivo, l'antagonista deve cedere tensione e posizionarsi in uno stato che permetta all'agonista di lavorare, la sua funzione diventa prima di controllo e ci sarà una tensione eccentrica eccessiva, poi diventerà con il tempo fibrotico, quindi il muscolo sarà bloccato in una dimensione maggiore per mantenere le lunghezze non fisiologiche.

Non basta un semplice test articolare, o un esercizio di stretching, per decretare che un muscolo è accorciato; sul bacino si inseriscono 36 muscoli e tutti concorrono in qualche modo su adduzione e abduzione, quindi, fai molta attenzione prima di fare stupidaggini!


Durante gli anni  di lavoro con il calcio, ho visto fare allungamenti infiniti e improduttivi di questi muscoli! Anche all'interno delle esercitazioni tecniche.
Era normale in mezzo all'allenamento vedere allungare questi muscoli mentre il mister spiegava. E poi magari vedere lo stesso soggetto esibirsi in una serie di calci lunghi.... certo dato che  l'infermeria era sempre aperta, perché non approfittarne?
 
Da supervisore dell'area fisica ho prima ridotto, poi annullato questo problema, in modo abbastanza semplice.

Il mio lavoro partiva dall'osservazione  e da semplici valutazioni di movimento e postura.

La prima cosa che ho cercato di capire è quando si affaticano gli adduttori?

Risultato: spessissimo i giocatori subivano danni dopo le ripetute lunghe, i mille ad esempio, ma anche dopo i 300 metri e similari; soffrivano dopo partite tirate, ed anche dopo lunghe e ripetute corse in verticale di 50-60 metri con tiro finale.

Perché?

Che centrano i mille? I mille centrano sempre! Nel calcio andrebbero vietati per legge, come tutte le ripetute in genere, ed il fatto che quella grande squadra li faccia non fa testo, fa moda ma non fa testo.

Ti spiego: gli adduttori, hanno una componente flessoria, e cioè, entrano in gioco per alcuni momenti   e su determinati angoli in aiuto dei flessori; se questi si affaticano gli adduttori sono chiamati in causa, un mille tirato non corrisponde alla fisiologia meccanica di un calciatore, va da se, che i flessori, non riescono a reggere il carico continuo e chiedano aiuto agli adduttori che non essendo predisposti per quel lavoro vanno in fatica. 

Devo dire per onestà che tutti i lavori di corsa in linea superiori ai 60 metri, portano un eccesso di carico sugli adduttori, ecco perché non vanno fatte le ripetute.

La partita tirata crea problemi agli adduttori quando il calciatore non è stato allenato sul modello fisiologico del calcio, e non è in grado di affrontare i 90 minuti modo efficace. 

Avrai notato se ti occupi di calcio che la partita lascia molta fatica nelle gambe, questo perché non si ci si allena in modo funzionale, e l'unico allenamento vero che fai è proprio la partita. 

I rimedi? Tanto lavoro sui cambi di senso ( CDS) e direzione (CDD) con variazione continua degli angoli,  dopo qualche settimana di navette con CDS e CDD il primo risultato che si ottiene è l'ottimizzazione del gesto e quindi un uso diverso dei muscoli interessati.

Lavorare bene sulla flessibilità di flessori della coscia, differenziando il ruolo del bicipite femorale da semitendinoso e semimembranoso, praticamente separandoli. 

Quando questi sono accorciati o troppo trofici sottraggono spazio agli adduttori e modificano le direzioni su cui agiscono le forze meccaniche, spostando gli assi meccanici, e posizionando il ginocchio in modo errato nello spazio.

Trovare un equilibrio posturale ottimale del bacino, attenzione! non basta andare dall'osteopata o dal chiropratico, bisogna lavorare con stretching e posture adeguate, se non conosci altri mezzi per bilanciare quest'area fondamentale.

Alimentazione, seguire l'alimentazione antiinfiammatoria aiuta molto, sia ad abbassare il livello di infiammazione generale che a limitare il sovraccarico delle ghiandole linfatiche tipiche di quest'area.

Tecniche decongestionanti, bisogna fino a quando non si sarà raggiunto l'equilibrio eseguire delle tecniche che facciano recuperare rapidamente l'area. Divieto assoluto dei massaggi che potrebbero aggravare la situazione, e via libera a metodo Kneip, drenaggio infatico, fanghi, cranio sacrale, ecc.

Ma le chiavi sono sempre e solo due:
come li alleni e come lavora la tua postura in dinamica!

Perché esiste, una vera e propria tipologia posturale che ha gli adduttori vulnerabili ad alcune tipologie di allenamento, ho verificato la cosa su qualche migliaio di valutazioni posturali.
 Se con questi soggetti non si cambia sistema di lavoro gli si compromette la carriera, senza entrare in dettagli sulla tipologia posturale, quando ti accorgi che un tuo atleta ha male spesso agli adduttori o le ghiandole inguinali molto gonfie, cambia il tipo di allenamento!




Commenti

  1. Salve
    può una pubalgia essere causata da un sovraccarico degli adduttori? bastano questi rimedi per contrastarla?

    RispondiElimina
  2. Si, possono essere la causa scatenante, comunque una pubalgia non è un evento casuale, risponde esattamente a caratteristiche posturali e di movimento, questi rimedi vanno usati in fase preventiva ma se il sovraccarico si ripresenta, non bastano, bisogna cercare le cause strutturali ed eliminarle.

    RispondiElimina
  3. Salve
    almeno sono 2 anni che soffro con i miei adduttori.
    Ho avuto una pubalgia e l'ho curata con riposo per parecchi mesi.
    Dopo che il disturbo sembrava scomparso ecco che dopo qualche mese si è ripresentato il dolore, adesso non riesco proprio a giocare, si infiammano sempre praticamente.
    Deve essere per forza una questione di postura.
    Dove posso vederli questi esercizi posturali?
    Grazie

    RispondiElimina
  4. Salve
    conviene rivolgersi ad un centro dove si faccia per prima cosa una valutazione posturale e poi si adotti un sistema di regolarizzazione (bilanciamento) della postura. Gli esercizi posturali devono essere personalizzati quelli uguali per tutti non vanno bene.

    RispondiElimina
  5. Buongiorno,
    sono una danzatrice e, a fine luglio, mi son procurata una distrattura di 1° grado all'adduttore sinistro.
    la mia terapia: 10 sedute di tecarterapia, riposo e 2 sedute di onde elettromagnetiche.
    il 2 settembre ho ricominciato a danzare (mooolto attenta, senza forzare in tutti i sensi)
    purtroppo lo sento molto debole. Quali esercizi mi consiglia?
    Stamattina, ad esempio, durante la lezione di contemporanea, ho sentito di aver troppo caricato e mi sembra un po' contratto. Cosa é meglio fare? Come distribuire l'allenamento? Prima danzavo tutti i giorni, adesso sono arrivata a 3 volte a settimana soltanto, perché ho paura a riprendere immediatamente full-immersion come prima.

    grazie mille
    Francesca


    RispondiElimina
  6. Ciao, di dove sei?
    supponendo che la lesione sia perfettamente guarita, dovresti far precedere, ed affiancare alla tua attività un programma di ricondizionamento fisico. non basta tornare a danzare, devi rimettere l'area in condizione di funzionare correttamente. Ti consiglio un programma decongestionante a base di impacchi di argilla, se non hai allergie, da fare la notte e dopo gli allenamenti e un programma di potenziamento funzionale,da fare nei tre giorni in cui non ti alleni. Sarebbe utile capire perchè ti sei fatta male. in ogni caso se hai fastidi, fai un'ecografia di controllo (parlane con il tuo medico) e se risulta negativa devi ristabilire l'equilibrio dell'area incriminata.
    fammi sapere.

    RispondiElimina
  7. in ogni caso ti consiglio una valutazione posturale e un programma di ripristino e controllo del movimento

    RispondiElimina
  8. Salve,mi sono infortunato facendo surf (lo sport che pratico)circa l'anno scorso.Mi avevano riscontrato edema nella porzione profonda preiserzionale di 1,3 cm del semitendinoso.Premetto un mimuto prima di sentir bruciare dietro il gluteo all'inserzione del semitendinoso ho avuto un piccolo fastidio sull'adduttore.Da li 1 mese e mezzo di fermo poi terapie e poco a poco esercizi isometrici fino ad arrivare dopo tre mesi ad un poteziamento isotonico leggero.Nel memtre di questo potenziamento isotonico gia iniziato da un mese riscontro alla pressa con pochissimo peso ed a inizio esercizio , ovvero alle prime ripetute, un fastidio all'adduttore ,simile a quello dei tre mesi precedenti. mi fermo e dopo un paio di ore inizio ad avere dolore dietro al semitendinoso , dove mi ero infortunato ,e con l'aggiunta di adduttore contratto.Da li in poi è stato un altalena e un calvario, fra infiammazione che si proponeva al semitendinoso e io che dovevo fermarmi e piccole riprese di attività.ho avuto solo luglio che sono riuscito quasi a fare attivita,quasi si parla di bici leggera. Poi di nuovo un risentimento a lavoro per uno sforzo dove ho fatto molta forza sulle gambee.Alchè di nuovo fermo un mese.In questo periodo ho fatto una visita da un kiropratico dove mi veniva detto che avevo il bacino leggermente disallineato.Mi ha trattato e ora non sto ancora bene anzi .Ho provato piano piano A fare un pò di bicileggera(5minuti) e la prima volta tutto bene, dopo un giorno di riposo ho provato 10 minuti e subito dopo ho avuto fastidio all'adduttore come se rimanesse un pò contratto un po teso , dall'iserzione in giu sentivo tirare, ma dietro al semitendinoso tutto bene.Il giorno seguente mentre camminavo da 3 o 4 minuti ho sentito sempre l'addutore tirare un pochino e poi quando mi sono fermato ho di nuovo percepito un pò di dolore e calore dietro al semitendinoso.Di nuovo fermo e sto continuando a fare giacchio al semitendinoso che alla palpazione preinserzionale sento molto più sensibile e dolorante.LA domanda che volevo porle è la seguente, ora sto il più fermo possibile e lontano da sforzi, appena cammino un po la prima sensazione che ho è l'adduttore che inizia a tirare quasi si contraesse troppo.
    é come descrive lei all'inizio del sito , che l'adduttore sopperisce al lavoro che il semitendinoso non riesce a fare vuoi infiammazione ,mancanza di massa muscolare ecc?comunque viene reclutato in una situazione che non dovrebbe ?

    RispondiElimina
  9. Credo sia necessario ripristinare un equilibrio soddisfacente del bacino, le manipolazioni chiro. sul un sistema cronicizzato non bastano, bisogna ripristinare il movimento e la lunghezza funzionale dei muscoli a cui fa riferimento. Potenziare potrebbe essere un errore in questo momento. un controllo ecografico recente è stato eseguito? il dolore ha sempre una ragione. Va decongestionata l'area, e rimessa in condizione di muoversi adeguatamente, prima di passare ad una fase riatletizzazione.
    Ha fatto una valutazione Posturale (seria)? mi faccia sapere

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…