Passa ai contenuti principali

Il tempo è denaro?

time is money

Questa domanda, è nata dalla lettura di un interessante post sul blog di Francesco Gavello, un web guru che seguo assiduamente. L’affermazione “il tempo è denaro” è una della più usate, ma quanto ci crediamo veramente? Quanto la si mette in pratica realmente?



Nella mia area lavorativa,  posturologia dello sport, mi occupo di sviluppo e ripristino della performance e del benessere, incontro sempre moltissime persone che si affidano al fai da te, per quanto riguarda la forma fisica o gli acciacchi, perdendo tempo e sprecando inutilmente denaro.

Capisco che siamo una nazione di commissari tecnici, di inventori artisti e stilisti, ma dati i tempi sarebbe fare due conti prima di agire.

É davvero importante quello che si va a fare, dimagrire, tonificarsi, recuperare da un infortunio?  Sistemare la schiena che ci fa dannare? Quanto vale la nostra voglia di andare a correre e quanto vale farlo senza farsi male e divertendosi?
In quanto tempo pensiamo di raggiungere il risultato?

Se prima di intraprendere un’azione di questo tipo, si fa un ragionamento logico, che non preveda solo la parola risparmio, forse si risparmierà veramente tanto.
Tutti pensano: posso risparmiare i costi del trainer, quelli della palestra ecc. Ho fatto un’affare. 
Salvo poi scoprire che correre non è così semplice, che fare palestra senza un piano realmente personalizzato non porta risultati, che la cyclette di casa dopo un poco annoia come quello strumento per gli addominali relegato allo stanzino.

Quindi il tuo tempo quanto vale? Tu quanto vali? Se pensi di valere solo il risparmio ok, in caso contrario, continua a leggere e facciamo due conti.

Il rapporto costi/benefici sarebbe sempre da tenere presente. E il tempo è un costo, non lo dimenticare.
Tempo sprecato in insuccessi o allenamenti errati, tempo speso male nel recuperare i piccoli infortuni che ti sei procurata/o, tempo sprecato per capire gli esercizi proposti da questa o quella rivista, devo continuare?

Conosco tanta gente che vuole fare la maratona, e si improvvisa runner, impiega il triplo del tempo a prepararla, spende tantissimo in fisioterapia per i malanni che si provoca improvvisando gli allenamenti, e quando riesce a concluderla lo fa male e con l’unica soddisfazione di essere arrivato in fondo. Con un trainer sarebbe meglio, molto meglio.

Alternativa, vai da un trainer esperto e di sicura professionalità, fai una seduta con lui, pianifica un percorso e torna dal trainer ogni 15-20 giorni per verificare cosa hai fatto e modificare il programma, ti sembra costoso, alla fine molto poco, avrai risparmiato tempo e sarai seguita/o da un professionista. In breve tempo raggiungerai i risultati sperati e diminuirai gli incontri. Forse non vorrai nemmeno ridurli.

Se sei una donna alle prese con la forma fisica, come già vai  dall’estetista a fare il massaggio, il peeling, ecc Ti accorgerai che non potrai più fare a meno del tuo consulente personale in forma fisica.

Commenti

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…