Passa ai contenuti principali

Leggere l'allenamento

 cronometro

La prima cosa che mi fu insegnata, quando iniziai  a lavorare, è stata “leggere” e trascrivere l’allenamento di una squadra sotto forma di tempi, intensità, recuperi e frequenze cardiache. Una forma di primordiale match analisys, che avrebbe poi influenzato il mio modo di agire e pensare anche in campi di lavoro diversi da quello iniziale.

Il sistema è  molto semplice, serve un foglio di carta, una penna, un cronometro e se si vuole esagerare un cardiofrequenzimetro.

Preparazione: su un foglio di carta formato A4  si tracciano una serie di colonne e  si segna la prima con 0 che rappresentava il tempo di inizio;
la seconda colonna è quella degli intertempi;
una terza colonna la segni con  tipo di attività o se si fa una pausa;
una quarta colonna rappresenta l’intensità di sforzo, io uso una scala da 0 a 5;
l' ultima colonna è per le pulsazioni cardiache.

Prendi un soggetto a campione, fai partire cronometro e cardiofrequenzimetro assieme,  inizia ad annotare ad ogni stop che tipo di azione compie con relativa intensità, a fine allenamento avrai su carta tutto il lavoro svolto.
Scarica il cardio e metti a a fianco degli intertempi le pulsazioni medie relative al periodo.

Lavoro finito.

Puoi operare anche filmando l’allenamento e monitorando più di un soggetto, puoi applicare un GPS al soggetto e conoscere anche i metri di spostamento e relativa velocità.

Ti ci puoi sbizzarrire.

I miei primi due anni di lavoro li ho passati ad un tavolo o dietro un video, è stata all’inizio una esperienza noiosa e per certi versi frustrante, però estremamente formativa.

Più delle cose che conosco quello che mi serve di più sono le situazioni che leggo e interpreto, è li che si fa la differenza tra mediocrità e eccellenza.

 Quando leggo una situazione di allenamento, o la postura di un mio cliente il risultato nasce sempre dalla mia capacità di interpretazione della situazione.



Usalo, ti servirà.


foto di Kainita

Commenti

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…