Passa ai contenuti principali

Dolore muscolare e carenza di ferro

Popeye the crazy statue
Esiste una relazione tra dolori muscolari e carenze di ferro, come esiste una relazione tra le carenze di ferro e la fatica. Una buona norma da seguire, quando si lavora con atleti professionisti o giovani atleti in fase di crescita, è fare frequenti analisi del sangue, per controllare, tra gli altri, proprio i valori i depositi di ferro.


In genere cerco di fare coincidere le analisi ematiche con i test atletici e li correlo con la forza, la velocità e la resistenza. L’ideale è ripetere i test almeno ogni due mesi.

Non sempre è possibile eseguire i controlli ematici così frequentemente, a volte in alcune società con cui collaboro i medici  non ne capiscono l’utilità. Spesso provengono da altre specilità e non avendo maturato negli anni esperienza di lavoro con gli atleti pensano che basti un prelievo l’anno.

Impareranno con il tempo.

I casi di anemia tra gli sportivi purtroppo sono più di quelli diagnosticati, e solo con un monitoraggio medico e atletico costante si può intervenire per tempo.

Per quanto riguarda il ferro, vanno considerati alcuni fattori, sesso, età, etnia, attività sportiva praticata, abitudini alimentari.

Quando gli atleti presentano dolori muscolari, stanchezza, freddo ed a volte cattivo riposo, vanno subito ricercati i valori di ferro e ferritina, può essere utile anche la transferrina.  Spesso i dolori muscolari lamentati sono legati ad una diminuzione di questi ultimi due elementi. Si verifica una sorta di anemia senza ancora essere anemici. Avere un quadro costante legato ai test fisici e ai test ematici permette un riconoscimento immediato delle problematiche. Un errore è rifarsi esclusivamente alla scala di riferimento delle analisi ematiche.

Una volta scoperta la carenza, il medico deve valutare l’intero quadro clinico, non sempre la supplementazione è opportuna, a volte può essere addirittura nociva, come nelle pseudoanemie da diluizione, frequenti nei corridori di fondo, e presenti in forma minore nel calcio.

Una delle prime cose da fare è la correzione della dieta, abbinata ad una correzione del regime di allenamento. Prevenire in questo caso può essere realmente la soluzione vincente.

Buon lavoro


Commenti

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…