Passa ai contenuti principali

Potenziamento statico, l’isometria

Una delle esercitazioni più usate in assoluto è il potenziamento statico, ma sei veramente sicuro di conoscere realmente il lavoro in isometria?

Alcune semplici regole a cui mi attengo per eseguire le esercitazioni isometriche, o meglio statiche:



  • Il carico applicato deve essere il più alto possibile per il dato angolo di lavoro, e deve essere superiore al massimale possibile in regime concentrico, in caso contrario lo stimolo è inefficace.

  • Migliora solo l’angolo utilizzato durante la contrazione, quindi bisogna moltiplicare gli angoli per l’intero range articolare.

  • Non lo utilizzo mai in sport che prevedano gradienti elevati di contrazioni isometriche, come canottieri, lottatori, body builder, ecc. Perché già questi sport creano grandi pressioni sul sistema cardiovascolare ed è inutile e dannoso aggiungerne altre.

In passato alcune sperimentazioni fatte sia da me che da altri, eseguite in doppio cieco, hanno dato risultati sovrapponibili  a quelli ottenuti ai regimi di contrazione tradizionali, come il concentrico. Quindi il metodo statico è un metodo che può essere utilizzato efficacemente all’interno della periodizzazione, per potenziarne gli effetti positivi e limitare quelli negativi. Come il peggioramento della capacità di coordinazione muscolare e della velocità di contrazione. Va specificato che negli sport di squadra questi peggioramenti non si manifestano grazie ai regimi di contrazione utilizzati durante l'esecuzione del gesto sportivo.

Personalmente uso una mia variante al sistema di lavoro statico, in pratica applico un carico che sia il massimo utilizzabile per un certo tempo, secondo l’obiettivo, e lo modulo a seconda della capacità di controllo dell’angolo articolare e della presenza di contrazioni cloniche involontarie. In pratica l’angolo di lavoro ad un certo punto deve “cedere” sotto il carico. In questo modo richiamo riflessi da pressione atavici presenti nel sistema nervoso,  ma quasi mai utilizzati se non in condizioni di pericolo.

Utilizzo contrazioni da 1 a 20 secondi di durata e recuperi da pochi secondi ad alcuni minuti.
Da utilizzare in alcune fasi specifiche del macrociclo: preparatoria, di sviluppo della forza in determinate posizioni, ecc. Ottimo abbinamento con il lavoro statico dinamico. e con il lavoro eccentrico





Puoi leggere anche del sistema di potenziamento 10x10
anche questo articolo su 4 esercizi di forza per le gambe può interessarti
buon lavoro

Commenti

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…