Passa ai contenuti principali

allenare il calcio, preparazione atletica o con la palla?













La via più facile non è sempre la via migliore. 

Per un preparatore fisico (preparatore atletico come si diceva prima), è più semplice lavorare a "secco" con strumenti mutuati da altri sport, anzichè provare ad ottenere gli stessi risultati utilizzando esercitazioni tecniche.



Per gli allenatori, è ancora più palese la difficoltà ad inserire  nelle proprie esercitazioni tecniche, elementi che condizionino la forma fisica, e non parlo di difficoltà tecnica, ma di adattamento psicologico e di scarsa attitudine a modificare il proprio metodo.

Un metro ed un cronometro sono sempre la scelta migliore. Sicuro?

Fare correre una persona dal punto A al punto B in un determinato tempo ci fa ottenere alcuni risultati, sappiamo a quale velocità andava il giocatore, (basta dividere distanza per il tempo), siamo sicuri di quello che ha fatto, possiamo decidere quante volte farlo fare. Perfetto, per il preparatore e per l'allenatore.

Però un piccolo dettaglio sfugge ai più, in campo non si fa così. Non si corre da A a B in un determinato tempo, si corre con la palla e senza, raramente per linee diritte.

Analizzando una partita di calcio, tecnicamente si chiama Match Analisys, si notano delle particolarità, il tracciato che il giocatore copre è più simile ad un gomitolo che ad una serie di rette, le velocità di percorrenze rientrano in un ventaglio molto ampio, a volerle identificare possiamo creare almeno 5 categorie di velocità.
Senza scendere nei dettagli da questo si capisce che ha poco a che vedere con gli allenamenti a secco, per non parlare delle esercitazioni di forza che sono fatte in palestra con esercizi che hanno poco o nulla a vedere con la biomeccanica del calcio.

Perché si continua ad allenare in modo tradizionale.

Bisogna pensare e riadattarsi, alcuni ci provano, pochi lo fanno in modo incisivo.
Un allenatore  anni fa mi disse che non voleva essere imbrigliato dal dover pensare in anche termini fisici, che voleva poter cambiare liberalmente "al volo" l'esercitazione se gli passava per la testa. L'allenatore in questione fa una buona stagione ogni 5, e questo la dice lunga su come il suo metodo funzioni nel diminuire le variabili.

Correre non basta, bisogna costruire esercitazioni reali con tempi di sviluppo reali e intensità legate alla situazione, solo così si allena la tattica individuale, il gesto e il fisico.

Difficile, si,  però si può fare, con un poco di impegno e motivazione.  Come si fa da sempre in ogni attività umana.

Perché il calcio deve essere differente?




Inserito originariamente da rcoster

Commenti

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…