Passa ai contenuti principali

Rilassarsi su un lettino chiodato


 Da qualche giorno sto utilizzando un oggetto nuovo di 5000 anni un tappetino chiodato, ma di nuova generazione. Questo è  sicuramente un periodo in cui le cose provenienti dall’india sono viste con occhi avidi, si sente un grande bisogno di tranquillità e di rilassatezza,

Sono stato attirato dalle recensioni e dalla diffusione globale dell'oggetto, ed anche dal grande numero di cloni dello stesso che si è andato via via diffondendo.

Se ti copiano vuol dire che o c'è sostanza o c'è mercato (non sono sempre sinonimi), quindi via con la sperimentazione.

Si tratta di una versione rinnovata del letto di chiodi dei fachiri, che lo usavano però per altri scopi, non credo proprio per stare meglio,  mentre ora è possibile utilizzarlo per il proprio benessere.

Qualcuno ricorderà zio Fester della famiglia Addams, ogni tanto usava strani oggetti per rilassarsi. Tra questi il letto di chiodi!

Sonia dice che gli Addams evidentemente erano avanti .....

Ora come novelli zii Fester possiamo utilizzare il tappetino  chiodato per migliorare il nostro benessere psicofisico, "rilassandoci". Forse.

  Al posto dei chiodi ci sono dei "fiori" in plastica con le punte acuminate. Le dimensioni non permettono lesioni cutanee ma ti posso assicurare che si sentono e tanto.

L'ideatore dice che più sei stressato più le percepisci.

Da come fanno male mi sa che a furia di togliere lo stress agli altri a me aumenta, vedremo.

Devo testare bene il tappetino per capire come interagisce sul corpo .

Da un primo esame sembra agire li dove c'è il bisogno, ma anche in questo caso ci vorranno ulteriori approfondimenti.

Quello che ho percepito e visto dopo pochi minuti di applicazione è una importante vascolarizzazione cutanea, e qui già mi vengono delle idee sulle prossime sperimentazioni...

Una pratica terapeutica derivata dall'agopuntura, tratta i punti ed i meridiani tramite pressioni  con punte acuminate senza infiggere aghi, il tappetino sicuramente qualche punto lo becca e all'interno di una sequenza di posizioni si può provare a lavorare sui singoli meridiani. Quindi una forma di agopressione autonoma.

Il prodotto mi sembra interessante se riesce a favorire il recupero ed il rilassamento, all'inizio può sembrare una punizione ma dopo le cose forse cambiano, se i test forniranno dati interessanti ne scriverò prossimamente.

Cercherò di capire se ha delle effettive proprietà o è solo l’ennesimo business basato su idee esotiche. Io per ora gli do fiducia.

La seconda parte di questo post la trovi cliccando su Rillassarsi su un lettino chiodato #2

Enjoy

foto di dagfinnh
foto di thehealingmat

Commenti

  1. sono stato costretto ad eliminare un commento di Elena, il commento in questione diventava la pubblicità bella e buona di una delle aziende che commercializzano i tappetini. Se Elena volesse rilasciare dei commenti tecnici senza fare pubblicità alla propria azienda è la benvenuta, in caso contrtario si astenga.

    RispondiElimina
  2. Ciao Gaetano, anche io ho acquistato il tappetino chiodato (nel mio caso, direttamente da Stoccolma), e devo dire che ho avuto un'ottimo riscontro: a me concilia veramente il sonno, e me lo rende piu' profondo ed appagante.

    Sara' la stimolazione dell'ossitocina?

    Ora continuo a provarlo (lo prova anche mia mamma per problemi alla cervicale) e ti so' dire...ciao . Loredana

    RispondiElimina
  3. Ciao, che il tappetino abbia delle grosse potenzialità ne sono certo, lo sto provando su di me ed altre persone e le risposte sono ottime. Provenendo da un ambiente dove la ricerca conta, mi sto sforzando di capire le applicazioni possibili, lasciando alle ditte produttrici le note fantasiose.
    Ti ringrazio per il commento, fammi sapere come va la cervicale di tua madre. Io l'ho usato per lo stesso scopo e ho notato una forte azione decontratturante. Stimolando la cute e la fascia suerficialis oltre ad ottenere un migliore scambio, si ottiene un forte rilascio di mediatori chimici. prova ne è il passaggio dal dolore/fastidio alla calma quasi "anestetica" della zona trattata.
    Ciao Loredana, a presto

    RispondiElimina
  4. Ciao Gaetano,
    Grazie per la risposta
    sto' cercando di raccogliere i pareri di altri mie conoscenti che lo stanno utilizzando da circa una settimana (su mio consiglio...), mi fara' piacere scriverti le mi impressioni. Mi interessa leggere quello che scrivi in quanto in passato mi sono interessata di reflessologia, e questo tappetino mi intriga molto. Sperando di non fare inutile pubblicita' (che non e' mia intenzone), ti consiglio un sito web, fatto veramnete bene, che spiega la vera origine di questo articolo, e che si "dissocia" da altri che asseriscono che sia una eredita' di fachiri o guru indiani, solo per aumentarne "l'appeal" sul pubblico, ma mentendo sulle vere origini (tutte europee e ben piu' recenti) che e' appunto il sospetto che avevanzavi te. E' questo: www.tappetinochiodato.com . A prescindere da considerazioni di qualita'su questo rispetto agli altri, e' un sito interessante da leggere per chi si e' appassionato al prodotto. Aspetto opinioni, ciao!

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Ciao, il punto è capire in quale ambito corporeo deve essere collocato il lavoro con il lettino. Ho studiato per capirne i risvolti sulla performance psico-fisica sistemi riflessologici e microsistemi di agopuntura. Mano, piede orecchio ecc. e quando sento che il teppeto lavora sui punti di agopuntura o sui punti marma mi fermo un attimo, perchè i punti marma sono di due tipi, quelli che facilitano la guarigione e quelli (usati dai guerrieri del kerala) che danneggiano la salute.
    Non potendo per il momento pensare che il corpo scelga da solo il punto da attivare, magari lo fa non lo so, la cosa più semplice da pensare e che la rete di punte attivi un maggiore flusso di liquidi nel sottocute aumentando il rilascio di alcuni mediatori chimici. I recettori cutanei lavorano secondo criteri molto precisi, grammi di presione,stiramento, gradi di temperatura, soglia dolorifica. il tappeto per prima cosa lavora con questi recettori e con il sistema nervoso.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…