Passa ai contenuti principali

Usare dei principi per pianificare le attività

Il tempo usato per raggiungere gli obiettivi è veramente utilizzato bene?

Leggendo un post di Francesco Gavello, un famoso blogger,  sull’ottimizzazione del tempo mi è tornata in mente la legge 80/20 o meglio conosciuta come principio di Pareto.

Si tratta di una legge empirica usata in economia per descrivere  i fattori che determinano il risultato. Il principio recita: “la maggior parte degli effetti è dovuta ad un numero ristretto di cause” . Secondo questo principio è il 20% del lavoro speso per raggiungere l’obiettivo ha le maggiori responsabilità nel suo raggiungimento, il restante 80% serve a cesellare il risultato.

Ragionandoci un po’ su, mi ci sono ritrovato.

Effettivamente in ogni progetto che affronto  tendo sempre a finalizzare il lavoro su quello che è in nocciolo del programma. Che a conti fati ammonta al 20% del totale o al 30% massimo. Lasciando al contorno, il restante 70/80% il ruolo di completamento.

legge 80/20


Con questo sistema ho raggiunto sempre ottimi risultati ed ho creato pianificazioni molto snelle e poco dispersive, sia che si trattasse di gruppi o semplicemente di individui. 

Ogni progetto deve avere sempre una zona calda, definita dal  motivo per cui la si compie e su cui si è concentrati, tutto quello che gira intorno a questa zona serve solo a migliorare il risultato.

In alcuni casi però chiedo di agire diversamente.

Se ho a che fare con colleghi dispersivi, che non possiedono ancora una conoscenza dei mezzi e delle tecniche molto approfondita, chiedo loro all’inizio di fare esattamente il contrario, e cioè che l’80% dell’esercitazione sia dedicato al “core problem” ed il 20% alle esercitazioni accessorie, poi, mano a mano che cresceranno come professionisti le proporzioni si invertiranno.

Questo avverrà solo quando si sarà in grado di focalizzare le esercitazioni sull’obiettivo da raggiungere, che a parole è semplice ma nei fatti ....

 Ho notato quanto siano affascinati molti colleghi da esercitazioni molto coreografiche o di moda, ma che da sole non possono portare al risultato.

La domanda da farsi è: che tipo di lavoro bisogna compiere per raggiungere l’obiettivo? La risposta definirà il core problem.

Se non si è in grado di dare una risposta adeguata alla domanda, l’obiettivo non sarà mai raggiunto ed il tempo e le energie sprecato.

E questi principi penso valgano per ogni attività umana.

Commenti

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…