Passa ai contenuti principali

Sindrome da rientro? che fare.

Vacanze finite. Alcuni consigli per non rovinare tutto.

Va bene, le vacanze sono finite, la regola dice che ora è il momento di mettersi al lavoro duri e puri. Errore, la stessa cosa viene praticata e perseverata con gli atleti professionisti quando iniziano i ritiri precampionato, e via con strappi, stiramenti e mugugni.

Vi darò un paio di consigli che vi possono essere utili per evitare problemi da "ritiro invernale".

  • Organizzatevi una serie di sedute di massaggio, gli oli essenziali sono obbligatori.
  • Pianificate un paio di uscite a settimana anche fuori porta, se potete con amici diversi ogni volta. E' meglio, se no sempre gli stessi potrebbero odiarvi all'ennesimo racconto vacanziero.
  • organizzate un po' di attività fisica prima del lavoro, soffrirete il risveglio anticipato, tanto non sarà per sempre, ma vi sbloccherà dai vecchi ritmi e vi darà modo di vedere la giornata in modo diverso, la luce al mattino è stupenda, anche nella città più grigia.
  • programmate le attività con ampio respiro, non vi affogate con gli impegni.
  • fiori di Bach, sono appropriati walnut, ottimo per il cambimento di orari, luoghi ecc. Holly per soportare mglio gli altri, colleghi parenti... e Crab Apple per fare pulizia delle scoree che avete accumulato. Nel caso aveste dei sensi di colpa per la vacanza, prendete Pine.
  • sempre in campo fisico, programmate delle cose nuove, escursioni in bici, trekking, ma anche nuoto in piscina, cose inusuali però, organizzatevi nel fine settimana vi aiuterà a distoglere l'attenzione ponendola su un altro obiettivo.
  • buttate via tutti i dolci che avete in casa, il pane e la pasta, e ricomprateli dopo 15 giorni dal rientro, non prenderete i kg in più tipici di chi in debito di coccole, si accanisce sugli zuccheri.
  • riempite la casa di fiori, vi aiuta a viverla meglio.
  • leggetevi un libro sul feng shui e modificate l'arredamento.
per ultimo consiglio, sesso, datevi da fare, aiuta tanto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…