Passa ai contenuti principali

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.





 Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. Lo scopo è recuperare rapidamente la fatica e migliorare la postura, togliendo tensioni e contratture.

Invece, potrai trovare dei consigli utili su quali scarpe usare nel link la postura nelle scarpe



L’arte del recupero è fondamentale per ottenere il massimo della prestazione e del benessere.
Qui comunque trovate un articolo sulle indicazioni da dare al massaggiatore.

Si ottengono risultati su più livelli, emotivo, fisico, posturale ecc. Occupandomi di tuti questi aspetti ho estrapolato alcune esercitazioni per farti godere la tua beauty farm casalinga, a costo zero.


  • Usa una pallina di gomma dura grande come un uovo. Mettici sopra un piede e spingi con discreta forza facendola rotolare profondamente nella pianta, percepirai zone piacevoli e zone dolorose, insisti sulle prime e massaggia dolcemente le seconde fino a quando non faranno più male, questo esercizio ti aiuta a liberare la tensione dalla parte posteriore del corpo fino su al collo. Se lo fai seguire da uno stretching globale come una postura a squadro al muro, massimizzerai gli effetti sulla muscolatura posteriore contratta. Se sei convincente nel chiedere,  puoi supplicare  qualcuno di rotolare la pallina per te sulla pianta dei tuoi piedi ...
Usa un matterello, si proprio quello della pasta, a questo punto ti serve un  partner.
  • Polpacci: sdraiati giù, pancia sotto, il matterello va fatto rotolare con poca pressione dal basso verso l’alto, per diverse volte, partendo da poco sotto ll ginocchio e giungendo fino alla caviglia, senza mai pressare sulle ossa, non vanno nemmeno sfiorate, cambia continuamente l’angolo di lavoro allargando il punto di origine in alto e stringendolo in basso. Dovrebbe lavorare solo sulle zone pià dense, o sull'esterno del polpaccio o sull'interno. La zona più sensibile è quella dove il polpaccio inizia ad assottigliarsi per poi diventare tendine. Vacci piano, fai tutto in modo molto delicato.
  • Femorali: da poco sopra il ginocchio fino al gluteo, qui un poco di pressione aiuta, chi riceve il massaggio ti indicherà le zone su cui rotolare di più, mi raccomando sempre molto lento. Anche qui ci sarà un lato di preferenza o all'interno o all'interno. Ricorda che la zona più importante è a ridosso della tuberosi ischiatica.
  • Glutei: partite dal dove finiva il precedente e punta verso l’osso sacro senza toccarlo, fai come se dovessi spianare la pasta a mo di ventaglio.
  • Quadricipiti, ti posizioni pancia in su, si parte dal bordo del ginocchio e si risale su fino al bacino, anche qui "lavora" su diverse direttrici di movimento, verso il pube, interno coscia e verso il lato esterno della coscia. Se posizioni una palla di dimensioni medie sotto il ginocchio, avrai migliori risultati.


Tecnica della spazzola.  Usa una spazzola, di setole naturali, dura quanto basta, puoi farlo da solo/a ma ti assicuro che se ricevi il massaggio è meglio, tutto il corpo va spazzolato a nudo, le tecniche sono le seguenti:
  • Sfioramento ritmico, si sfiora solo la pelle con colpetti secchi e si risale dai piedi verso la testa (anche la testa va massaggiata).
  • Diritto e pesante, si fa come con il matterello, dando colpi di spazzola in asse con il corpo, non gravate sulle ossa.
  • Circolare hai presente  metto la cera e tolgo la cera? Lavorando prima in modo concentrico dall’esterno verso l’interno e dopo dall’interno verso l’esterno.
È piacevolissimo, toglie la fatica, ed è fantastico con i bambini. Dopo alcuni mesi ti ritroverai più dritto, respirerai meglio e sarai più flessibile.

Massaggio con il ghiaccio, 

  • Riempi due bustine di cubetti di ghiaccio, avvolgile in due canovacci, ed inizia a tamponare il corpo partendo dal basso e raggiungendo il capo, prima la parte posteriore del corpo poi l’anteriore, senza massaggiare l’addome. Rinfrescante e per togliere la fatica, se lo attui su zone poco toniche del tuo corpo le riabitui ad un tono più efficiente.

Con queste tecniche, migliorerai umore, e benessere, la postura cambierà in parte, con l'esperienza inizierà a capire dove accumuli tensioni posturali e le de-compenserai. 

Enjoy

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.