Passa ai contenuti principali

Le tre chiavi di accesso alla forma fisica.

La forma fisica passa attraverso la costante ricerca della migliore prestazione. Questa è la chiave per ottenere la bellezza. Il canone tipico del chirurgo estetico salta, si infrange al confronto di una persona che risplende della sua capacità di prestazione.

Ma che intendo per prestazione?

La prestazione è la capacità di un individuo di compiere sequenze di movimento e ragionamenti in modo brillante.

In genere con prestazione si identifica il risultato dell'atleta, ma anche un signore di novanta anni che sale le scale fino al v° piano esegue una prestazione di rilievo, compie una performance importante chi riesce a correre per 40 minuti di seguito, mentre due mesi prima non riusciva a fare due passi a piedi , così come chi sul lavoro o sullo studio riesce ad ottenere di più da se stesso senza dover riposare per tre giorni perché ne esce esausto.

Tralasciando l'atleta, il signore anziano che aspetto avrà? Immaginatelo, sicuramente dimostrerà meno dei suoi anni, e altrettanto sicuramente emanerà una luce diversa rispetto ai suoi coetanei, meno attivi, avrà una bellezza spontanea.

Tornando a te che vuoi trovare una migliore forma fisica, il mio consiglio è alzare il tuo livello di prestazione, ecco le tre chiavi per ottenere il risultato sperato.

La prima chiave di acceso alla prestazione è la postura, ottimizzare la postura comporta un minore consumo generale, significa che ogni azione sarà più facile e più fluida.

L'equilibrio stabile e rilassato che comporta consente l'esaltazione dei gesti che diventano semplici. Migliorerà la simmetria dei tuoi fianchi e delle tue spalle, la testa cadrà esattamente sul collo e non in avanti o di lato, sarà bilanciata come lo sarai tu, e gli altri lo noteranno.

Molti dei tuoi piccoli a grandi acciacchi spariranno e non sarai costretta/o a produrre ormoni che poco aiutano la tua forma fisica. Aumentano sempre più le persone che cercano di migliorare la postura per ottenere di più dal lavoro e nei rapporti sociali. Perché la postura è un biglietto da visita.

La postura si studia e si migliora a volte senza nemmeno fare grandi sforzi, in alcuni casi basta veramente poco per ottenere grandi risultati.

Seconda chiave di accesso, l'attività fisica, che non deve essere massacrante ma deve essere stimolante per testa e corpo, quindi varia con obiettivi precisi e semplici da raggiungere.

L'allenamento deve essere sempre orientato alla varietà motoria, e deve stimolare l'attenzione. Se il vostro trainer è monotono usa paroloni e vi propone una scheda preconfezionata ..... cambiatelo, ogni allenamento deve essere diverso.

La fatica fisica deve essere accompagnata da quella cognitiva, il breve lasso di tempo utilizzato per allenarvi deve essere di grande resa. L’allenamento deve essere studiato per ottenere un migliore profilo ormonale, come con la postura l’allenamento deve equilibrare gli ormoni endogeni devono avere un rapporto tra di loro ottimale, un eccesso di cortisolo ad esempio vi darà un aspetto stanco ed appannato.

L'allenamento utile può essere molto diverso da quello che pensate.

Terza chiave di accesso, L'alimentazione, se sana ed equilibrata è la grande svolta nel percorso di avvicinamento alla bellezza della forma fisica. Eliminare conservanti, non mischiare latticini e proteine animali, diminuire i carboidrati semplici e favore di quelli complessi e la tua mente prima e il tuo corpo dopo risplenderanno.

Anche qui l’obiettivo è il bilanciamento ormonale, insulina e glucagone vanno tenuti nelle debite proporzioni, una cena parca e studiata permette un maggiore rilascio di GH (ormone della crescita) nelle ore notturne. Che significa? Dimagrire in modo naturale e svegiarsi pieni di energia.

Sembra troppo, troppo difficile, ti assicuro che non è affatto complicato.
Basta iniziare con un piccolo progetto, che piano piano diventerà grande, poi .... ci si prende gusto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…