Passa ai contenuti principali

insegnare tecnica e tattica in modo non lineare

Insegnare la tecnica e la tattica è difficile, perché è difficile farsi comprendere, certo basta fregarsene, ma per chi vuole realmente raggiungere grandi obiettivi credo sia meglio lavorare un po' su questo aspetto, si guadagnerà tempo e sarà più facile ottenere risultati, sempre se i contenuti meritano.

Ho notato che quando si insegna qualsiasi cosa è difficile raggiungere tutte le persone allo stesso modo, in ambito sportivo diventa ancora più difficile insegnare perché il pubblico non sempre è sintonizzato sullo speaker, o meglio questo non è sintonizzato sul pubblico.

I modelli di insegnamento che si adottano normalmente in determinati ambiti sono di tipo lineare, i sistemi ricettivi del pubblico spesso non sono sintonizzati per questo tipo di segnale.

Alcuni uditori, come gli sportivi e gli artisti hanno in comune la difficoltà a percepire comunicazioni lineari, perdono subito la concentrazione si distraggono e non traggono beneficio, sia che si tratti di spiegazioni tecniche o spiegazioni tattiche molti non capiscono o ci impiegano troppo tempo. Alcune carriere sono stroncate da difetti di comunicazione. Cosa fare allora?

Prima cerchiamo di capire come funzionano gli emisferi cerebrali.

Emisfero sinistro: l'informazione è elaborata in modo lineare, logico, razionale, le rappresentazioni testuali e verbali sono metabolizzate rapidamente, in compenso ha difficoltà a costruire al di fuori del conosciuto e del logico.

Emisfero destro: l'elaborazione dell'imput è di tipo non lineare, intuitivo, globale, non verbale, gestuale, risponde alle informazioni strutturate secondo rappresentazioni gerarchiche, secondo i simbolismi e le sequenze cromatiche.



Perchè ho accomunato gli artisti e gli atleti. Le cose i comune tra le due categorie sono parecchie, l'ambisdestrismo provocato ad esempio, se ci ragionate chi suona uno strumento o fa uno sport si trova spesso a dover utilizzare l'arto non dominante in modo massivo, con messa in gioco dell'emisfero non dominante. Ecco perchè spesso, alcuni, al di fuori del contesto sport e spettacolo sono alquanto confusi.

Scoprire quale sia l'emisfero dominante è oggetto di studi da decenni, io eseguo due test uno semplice ed uno leggermente più complesso, il primo è basato sull'occhio direttore (è un test posturologico) in genere l'emisfero dominante è l'opposto dell'occhio direttore, il secondo è una serie di domande che creano una risposta oculo-motoria.

Appurata la stazione radio su cui sono sintonizzati i vostri atleti potete iniziare a prepararvi ad insegnare in modo appropriato.

altri post sull'argomento insegnamento e allenamento li trovate a partire da questo link:

allenare la coordinazione III^ parte








Commenti

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…