Passa ai contenuti principali

Obesità infantile, riflessioni.

Il modo di vivere è cambiato, ora si comunica meno direttamente e molto di più globalmente, questo impone mezzi di comunicazione, come quello che stiamo usando in questo momento, diversi dal passato, però prima di arrivare a questo, prima di tirare addosso alla televisione, ed ai computer, alla mancanza di movimento, al ruolo degli educatori, mi chiedo, quando si comincia ad ingrassare? Si ingrassa già in utero? O si ingrassa subito dopo la nascita? Che ruolo hanno i pediatri nel periodo di loro competenza nel quantificare quante e di che tipo devono essere le calorie ingerite, che ruolo hanno i ginecologi sullo stesso argomento, rivolto in questo caso alla madre durante la gravidanza?
Se si lasciano le famiglie in balia di se stesse, con tutti i pensieri che ci sono, sarà più facile pensare: tanto a dimagrire c'è tempo, oppure, se ha fame lasciatelo mangiare, o ancora prima, la mamma in stato interessante deve mangiare per due!! Poi che le merendine non siano il massimo lo sanno tutti, ma sono comode.
Come si fanno campagne contro il fumo, bisogna fare campagne in questo senso, le ditte produttrici di snack sanno che più è buono più fa lavorare l'insulina, è giocano su questo, perché più insulina c'è in circolo più c'è fame di snack. Dovrebbero cominciare a scrivere sulle confezioni le quantità consigliate ed i rischi che si corrono a mangiarne troppi. Ma le aziende produttrici che sono continuamente santificate non ci pensano proprio.
Bisogna fare lavorare gli psicologi di famiglia, dare un supporto adeguato alle mamme impegnate, creare un modello alimentare, e strutturarlo nella mente delle persone.
Il nostro modello alimentare attuale è sballato perché non segue nessun tipo di valore, ne religioso (un tempo la religione aveva questo compito) ne sociale, bisogna creare modelli sociali adeguati partendo da quelle cose che vengono additate maggiormente come il problema, televisione, internet, videogiochi.
Le campagne pubblicità progresso asciano il tempo che trovano, questa è un'emergenza sociale, e come tale deve essere trattata.

qui trovate un altro post sull' Obesità infantile

Commenti

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…