Passa ai contenuti principali

preparazione in piscina per tutti gli sport

sailing

Quello che propongo è  un modello di allenamento in acqua, da fare in piscina, per poter migliorare il fisico  e iniziare una preparazione di alto livello.


In un momento in cui tutti sono “votati” all’allenamento funzionale, credo sia il caso di allenare anche l’atleta e non solo il runner, il calciatore o il giocatore di basket.
Si tratta di un lavoro aspecifico, che porta grandi benefici, vediamone alcuni: lavoro molto intenso con scarso sovraccarico articolare, grande afflusso di sangue nei muscoli coinvolti, (pompaggio) aumenta moderatamente la resistenza generale, migliora il body core, prepara adeguatamente il corpo alle attività successive. È duro senza essere dannoso.

 Con questo lavoro, ho preparato e recuperato moltissimi atleti e intere squadre. Elenco i principi di base del lavoro:
  1. Puntare ad un numero di vasche (da 25 metri) da 40 a 50 aumentandole progressivamente.
  2. Aumentare ad ogni seduta il ritmo e la densità degli esercizi.
  3. Utilizzare i quattro stili, e alternare il lavoro delle braccia e delle gambe isolando i gruppi muscolari, selezionando quelli adatti alla situazione articolare del soggetto.
  4. Puntare a esaurire per ogni serie il gruppo muscolare interessato.
Utilizzando sempre dei galleggianti (ottime le ciambelle salvagente) oltre ai quattro stili usa tecniche come:
  • Corsa in acqua profonda
  • Galleggiamento del pallanuotista
  • Remata del naufrago
  • Spinte dal blocco di partenza
  • Altro
Da questo lavoro, se sapientemente strutturato, possono trarne vantaggio tutti, sia sportivi professionisti che chi ha a cuore la propria forma fisica e i proprio benessere. Ad esempio è ottimo anche per i maratoneti o i ciclisti.
Unica raccomandazione devi essere sempre seguito da un  esperto di salvamento a bordo vasca. É un lavoro molto intenso e l’acqua è sempre pericolosa.

In acqua migliori!

articolo riscritto interamente, prima edizione marzo 2009

foto di abusx

Commenti

Post popolari in questo blog

Crampi e contratture ai polpacci, recupero rapido.

Sono sempre in  parecchi quelli che mi chiedono cosa fare con  le contratture ed i postumi dei crampi ai polpacci. I commenti sono: ho i polpacci di pietra, si sono induriti improvvisamente e così sono rimasti, li ho completamente contratti, ho avuto una distrazione di 9 mm .. Ecc.  
Ecco alcuni semplici consigli per recuperare prima questa fastidiosa evenienza.
E' d'obbligo il controllo medico, ecografia o RMN, vedrà lui cosa fare, ma va fatto, poi se tutto è ok, puoi procedere con le mie info.

Questo perché, se pensi di fare da solo, di decidere di cosa si tratta, sei nel immerso letame fino al collo, è sono stato gentile. 
Le cose da fare

N° 1, scaricare la catena miofasciale posteriore, basta mettere un piede su una pallina di gomma dura, molto  dura e fare scorrere la pianta per una decina di minuti, e così si ottiene un piccolo sbocco di tutta la catena di muscoli che parte dal piede e raggiunge il collo, con il conseguente rilassamento.
N°2, La seconda cosa da fare è decompri…

Adduttori affaticati e contratti

Ritorno sull'argomento adduttori affaticati e contratti, revisionando e ripubblicando questo post, scritto nel marzo 2012. In questi giorni ho avuto modo di sentire e leggere molte “idee” sulla “gestione” di questi muscoli, e come al solito trovo delle incongruenze di natura meccanica e funzionale nei metodi di tonificazione e de-tonificazione di questi muscoli. Dicembre 2014
L'argomento interessa in particolare gli atleti, i preparatori fisici e gli allenatori.

Postura migliore e senza spendere soldi con i massaggi.

Una postura migliore senza spendere tanti soldi è possibile basta un poco di impegno. E con questo post ti faccio un regalo che vale oro per ogni lettera scritta. Prima però leggi i 7 errori da evitare per rovinare la postura.

Quando ho iniziato a fare il posturologo nella mia città, Reggio Calabria, il mio impegno era rivolto agli sportivi professionisti delle squadre con cui lavoravo. Dopo, quando ho portato "fuori" dall'ambito sportivo al mia attività ho utilizzato molte delle cose che avevo scoperto lavorando con gli sportivi. 
Questa è una, i massaggi.

Farsi fare i massaggi dal partner o da un amico/a o per alcune tecniche imparare a farseli da soli è un buon modo per stare bene, e per chi fa sport massimizzare gli effetti dell’allenamento. Oltre che il benessere psicofisico che ti fa raggiungere, aiuta mente e postura.

Quelle che illustrerò in seguito, sono tecniche di massaggio che insegno ai miei atleti ed ai loro istruttori, o ai miei clienti e ai loro familiari. L…